A scioca

A lla scioca, a lla scioca,
e mannaja a chi cce joca
e cce joca llu Bumbiniallu
ccu lla rosa a llu cappiallu.

Zezze!

Gattaré, gattaré,
nu me fare arrabià,
ca si te pigliu, t’ammazzu,
te tiru lu mustazzu,
te jiattu ro balcune,
gattarella ro barune.

A lla scioca, a lla scioca,
e mannaja a chi cce joca
e cce joca llu bumbiniallu
ccu lla rosa a llu cappiallu.

Zezze!

A gallina e za Catarina,
fa l’uavu ntra casa e za Pippina
e da sira à lla matina
Sempre jistima za Catarina

Zezze!

A lla scioca, a lla scioca,
e mannaja a chi cce joca
e cce joca lla rigina
cucurucù za Catarina.


Al giro, al giro tondo,
e mannaggia chi vi gioca
e vi gioca il Bambinello
con la rosa sul cappello.

Seduti!

Gattina, gattina
non mi fare arrabbiare
sennò ti prendo, ti ammazzo,
ti strappo il baffi e poi ti
getto dal balcone
gattina del barone!

Al giro, al giro tondo,
e mannaggia chi vi gioca
e vi gioca il Bambinello
con la rosa sul cappello.

Seduti!

La gallina di zia Caterina,
va a fare l’uovo nella casa di zia Peppina
e dalla sera alla mattina,
sempre bestemmia zia Caterina.

Seduti!

Al giro, al giro tondo,
e mannaggia chi vi gioca
e vi gioca la regina
cucurucù zia Caterina

tratta da : G.Gentile, Il libro che canta, S. Croce sull’Arno (Pisa), Industria Grafica I.L.C.A., 1993.