A strina

La tradizione vuole che la mattina del 31 dicembre,i ragazzi intorno ai dieci anni vadano per le case a chiedere a “strina”; questo è il primo augurio della fine e del principio dell’anno che i savellesi ricevono. La sera è la volta dei giovani e degli adulti i quali vanno anch’essi per le case a fare gli auguri cantando la “strina”. Così, per tutta la notte, si sente per il paese cantare e suonare

E Cari Signori, ve simu venuti,
e ppe mille vote sia li bontruvati.
E nu mazzu re garofali juruti,
e cchiù de lu mustu v’addura llu jatu.
E quanti jurilli fannu le nucille
e tant’anni campu patre, mumma e figlie.
E quanti jurilli fannu le jinostre,
e tant’anni campi le signorie vostre.
E ‘mmienzu ‘ssa casa penda na catina,
e a lla tua figlia la via na regina;
e ‘mmienzu ‘ssa casa penda nu lampiele,
e a llu tue figliu lu via cavalieri.
E a luongu a luongu ‘nsina a Santu Vitu,
e chi Dio te guardi ‘ssu biallu maritu;
e a luongu a luongu ‘nsina a Santa Chiara,
e chi Dio te guardi ‘ssa bella quatrara.
E chi te via fare tantu re lu granu,
e quantu nde ‘mbarca Cutru e Curiglianu;
e chi te via fare tantu re lu vinu,
e quant’acqua nde curra Tacina appendinu;
e chi te via fare tantu re la sita,
e quantu nde grava na mola e trappitu;
e chi te via fare re le belle feste,
e quantu a Palermu su’ porte e finestre;
e chi te via avire re li buani anni,
e cchiù ch’à Messina su’ jombari e panni;
e te via r’avire re la cuntentizza,
e quantu nd’appa Maria ccu Gesù ‘mbrazza.
E fanne la strina e falla re rinari,
e ccussì cumbena a bue, cari Signori.
E Cristu ficia la strina alli riscipuli,
e ccussì la fai a nnue e nne viani rapari.
E un te cririre ca nue simu tanti,
e chi rapari la porta e gghiatti l’anti;
e un te cririre ca nue simu assai,
e ca simu chilli quattro amici tui…
E sientu lu strusciu re la ‘ntavulatu,
e criju ca vena mo lu muccellatu;
e sientu lu strusciu re lu tavulinu,
e criju ca vena mo lu biccherinu;
e sientu lu strusciu re la cascitella,
e criju ca vena mo la pasturella;
e sientu lu strusciu re lu riscignuolo,
e criju ca vena mo lu mustazzualu.
E lla vi’ ca vena mo la gran Signora,
e me para ch’è na nobile rigina!…
E a r’una manu porta la lumera,
e all’atra manu la galante strina.
E canta llu gallu e scuatula le pinne,
e lassamu a santa notte e gghiamuninde.
E cumpatisciti si lu spassu è puacu,
e c’amu e jire a cantare a r’atru luacu;
e cumpatisciti si lu spassu è nente,
e c’amiu e jire a cantare a r’atra gente…

Cari signori vi siamo arrivati,
e per mille volte siate i ben trovati.
E un mazzo di garofani fioriti,
e più del mosto a voi profuma il fiato.
E quanti fiorellini fanno le nocciole
e tanti anni campino padre,mamma e figli.
E quanto fiorellini fanno le ginestre,
e tanti anni campino le signorie vostre.
E in mezzo a questa casa pende una catena,
e che la tua figlia la fai una regina;
e in mezzo a questa casa pende un lampione,
e che il tuo figlio lo fai cavaliere.
E a lungo a lungo fino a Santo Vito ,
e che Dio guardi questo bel marito;
e a lungo a lungo fino a Santa Chiara,
e che Dio ti guardi questa bella ragazza.
E che tu possa fare tanto grano,
quanto ne fanno Cutro e Corigliano;
e che tu possa fare tanto vino,
quanto è l’acqua che scorre Tacina in giù;
e che tu possa fare tanta seta,
quanto pesa una ruota di frantoio;
e che possiate fare tante buone feste,
quante porte e finestre ci sono a Palermo ;
e che possiate avere tanti buoni anni,
di più  dei gomitoli e dei panni di Messina;
e tu possa avere tantla contentezza
e quanta ne ebbe Maria con Gesù in braccia.
E fammi la strenna e falla di denari,
e così conviene a voi, cari signori.
E Cristo fece la strenna ai discepoli
e così la fai a noi e ci vieni  apri.
E non pensare che noi siamo tanti,
e che apri la porta e chiudi le ante.
E non pensare che noi siamo assai,
perché siamo quei quattro amici tuoi…
E sento il rumore del tavolato,
e credo che arrivi adesso il buccellato;
e sento il rumore del tavolo,
e credo che arrivi adesso il bicchierino;
e sento il rumore della cassettella,
e credo che arrivi adesso la pasturella;
e sento il rumore dell’usignolo,
e credo che arrivi adesso il mustazzuolo.
E la vedi che viene ora la gran signora,
e mi sembra che sia una nobile regina!..
E ad una mano porta una torcia,
e all’altra mano la galante strenna.
E canta il gallo e scrolla le penne,
e lasciamo la santa notte e ce ne andiamo.
E compatite se lo spasso è poco
e dobbiamo andare a cantare ad altro luogo;
e compatite se lo spasso è niente,
e dobbiamo andare a cantare ad altra gente…

tratta da : G.Gentile, Il libro che canta, S. Croce sull’Arno (Pisa), Industria Grafica I.L.C.A., 1993.