Canzune e sdegnu

((Canzoni a dispetto e ironiche)

O! facce re linterna mpusa all’uagliu
tu va  riciandu ca muaru ppe ttie.
io nun t’haju vulutu né te vuagliu,
nimmenu t’haju avutu  ‘n pantasia.
Jettate a mmare o jettate e nu scuagliu,
va lavate a facce ccu llissia!
Arrieri e Manche ccé nnu ciucciu muartu;
chissu è l’amante chi vuliari e ttie.

 O! faccia di lanterna unta d’olio,
tu vai dicendo che io muoio per te.
Io non ti ho voluto né ti voglio
nemmeno ti ho avuto in fantasia.
Gettati a mare o gettati da uno scoglio,
vai a lavarti la faccio col bucato!
Dietro la Manche c’è un ciucoi morto;
questo è l’amante che voleva a te.

Tiani na mamma chi t’avavanta tantu,
chi para nna magara re li vianti,
a llu tue patre le piglia llu grancu
affaccia fore e ntruvula llu tiampu.

 Hai una mamma che ti vanta tanto,
che sembra una strega dei venti,
al tuo padre gli prende il granchio,
si affaccia fuori ed intorbida il tempo.
Si te vruja llu core mange nive,
si tiani gelusia spizziche fave
Se ti brucia il cuore mangia neve,
se hai gelosia spilluzzica fave
Si gghianca e russa cuamu na jelona,
si carriccata e rugna canina;
quandu cammini tu la trippa sona
cuamu na vacca a llu pendinu.
Sei bianca e rossa come una tartaruga,
sei carica di rogna canina;
quando cammini tu la pancia suona,
come una vacca in discesa.
Chi te vo muzzicare chillu rizzu,
chillu chi aza e bascia lli lanzuli.
che ti possa morzicare quel “riccio”,
quello che alza e abbassa le lenzuola.
Affacce e ssa finestra collincutta,
facce re pimaroru e naschichiatta.
Affaccia dalla finestra collocorto,
faccia di pomodoro e narici piatte.
Tu te ricuardi ronna ventulera,
quandu la giacca mia te fu lettera.
Tu ti ricordi donna spavalda,
quando la mia giacca ti fece da letto.
Si tu bulpe re Campulemanne
io signu lupu re le Siale funde.
Se tu sei volpe di Campolemanne,
io sono lupo delle Sile fonde.
Oh vulpicella vulpije, vulpije,
mo chi li cani mia su ncatinati.
O volpicina, volpeggia, volpeggia ,
ora che i miei cani sono incatenati.
A voglia mu nde fai re ssi rispiatti
vena nnu jurnu chi lle paghi tutti.
A voglia di farne tanti dispetti
verrà un giorno che li paghi tutti.
A fimmina chi rira e l’alvulu chi strira,
tu piglie a gaccia e pue falli carire.
La femmina che ride e l’albero che stride,
tu prendi l’accetta e poi falle cadere.
A fimmina illa eri cuamu la crapa,
mangia cìantu erve e nnu r’è mai cuntenta.
La femmina ella è come la capra,
mangia cento erbe e non è mai contenta.
Arvulu chi te chiami salicune,
quandummai a llu mundu ha fattu bene.
albero che ti chiami salice,
quando mai al mondo hai fatto bene.
A voglia mu cumbatti e mu te lisci,
u risignu c’ha fattu nun te rescia.
Hai voglia di combattere e di lisciarti,
il proposito che hai fatto non ti riesce.
A gatta che mparata a llu fucune,
un si nde cura ca se vruja l’ugne.
La gatta che è abituata a stare al focolare,
non se ne importa che si brucia le le unghie.
Ama a chine t’ama si tuni vue spassu,
amare a chine un t’ama è tiampu piarsu.
Ama a chi ti t’ama se tu vuoi spasso,
amare a chi non t’ama è tempo perso.
A voglia mu te pìattini e te lisci
ma ppe parire bella si cce nascia.
 A voglia di pettinarti e di lisciarti,
ma per apparire bella si nasce.
Chine nde fa r’una nde fa mille,
e chine fa panara, fa cistella.
Chi ne fa una ne fa mille,
e chi fa panieri fa anche cestelli.
Si te pigli ra colara cchi ndai,
cari malatu e lla piaju è lla tua.
Se ti rattristi non ne hai nulla,
ti ammali e la peggio è tua.
Chine a giuventute a mina pazza,
pue sind’adduna a lle male vecchizze.
Chi la gioventù la mena pazza,
poi se ne accorge alle male vecchiaie
Faciumu i cunti e spezzaamu sse taglie,
amicizzia ccu ttie nun cci nde vuagliu.
Facciamo i conti e rompiamo le taglie,
amicizia con te non  ne voglio.
Fatte l’affari tui mala vicina,
é de l’affari mia cchi nde vo fare.
 Fatti gli affari tuoi mala vicina,
e degli affari miei non t’impicciare
Guardate re lu vullu a lle jumare,
ca è troppu fuundu e ti cce po’ affucare.
Guardati del bozzo d’acqua alle fiumare,
è troppo fondo e ti ci puoi affogare
L’avulu a primu tiampu nun se taglia,
a fimmina a prima vista nun se piglia.
 L’albero al primo tempo non si taglia,
la donna a prima vista non si piglia.
L’annamurati su muraglie e crita,
e r’ura chi t’adduni su sciugliati.
Gli innamorati sono muraglie di argilla,
quando meno te lo aspetti si sciolgono.
Mai nu lupu u pecuraru ha fattu
e nna mastra vulpe, guardare galline.
Mai un lupo, il pastore ha fatto
e una maestra volpe, guardare galline.
Fimmina io te ricu, un te groliare,
ca chistu mundu è rota e sempre gira.
Donna io ti dico non gioire,
perché questo mondo è una ruota e sempre gira.
Chi ppe lla rota la brutta se piglia,
la rota si nde va e llu core squaglia.
Chi per la dote la brutta si sposa,
la dote se ne va ed il cuore si dissolve.
Chi ppe lla rota la brutta se piglia,
a rota si nde va cuamu lu viantu,
a rota si nde va cuamu lu viantu,
l’affrittu chiuavu te resta davavanti.
Chi per la dote la brutta si prende,
la dote se ne va come il vento
la dote se ne va come il vento
e l’afflitto chiodo ti resta davanti.
Quandu viri troppu cani ann’uassu,
a miagliu cosa stattinde all’arrassu.
Quando vedi troppi cani che si litigano per un osso,
la miglior cosa è di stare lontani.
Quandu l’amicu tue, vena a llu spissu,
la mala ntenzione nun le passa.
Quando il tuo amico viene spesso;
la mala intenzione non gli passa.
Quandu lu mulinaru tena fulla,
aza llu pere e fa farina molla.
Quando il mugnaio ha molta folla ,
muove un aggeggio e fa la farina grossolana
Si ta nzurare pigliatiala vecchia
ca te cuverna cuamu nu cardacchiu
Se ti devi sposare pigliatela bella matura (vecchia)
perché questa ti governa come un piccolo ghiro
A fimmina chi un rispunda a prima vuce,
e signu ca un le piacia lla mmasciata.
La donna non ti risponde subito
è segno che non è d’accordo
Un te firare ca la corda è grossa,
ca si la tiri tiri pur te lassa.
 Non ti fidare se la corda è grossa
perché se la tiri tanto poi ti lascia.
A voglia mu ne fai rizzi e cannuali,
lu santu che de marmure nun sura.
A voglia di farne ricci e cannoli,
il santo che è di marmo, non suda.
A voglia mu te lisci pullastrella
alli matrimmonni tui nun c’è cchiù fulla.
Ai voglia di lisciarti pollastrella,
ai tuoi matrimoni non c’è più folla.
Mammatta natru amante te vo dare,
tu pigliatialu se miagliu re mie;
ca c’è miagliu re mie te sia salute
sinnò lu via murire risperatu.
Tua mamma un altro amante ti vuole dare,
tu prendilo pure se è meglio di me,
Se è meglio di me ti sia salute,
sennò possa morire disperato.
M’haju vivutu latte re cardillu
supre na tropparella re viola,
signu cchiù finu io ca lu capillu,
sacciu ruve te penda llu tue core.
Ho bevuto latte di cardellino
sopra una piantina di viola,
sono più fine io del capello,
so dove ti pende il tuo cuore.
Quandu te suanni a resare cuntenta
te truavi ccu lle scarpe senza punta.
Quando tu ti sogni di essere contenta,
ti trovi con le scarpe senza punta.
Si monaca te fai allu mpianru attizzi
e si te mariti lu fuacu t’abbrazza.
Se monaca ti fai all’inferno attizzi
e se ti mariti il fuoco ti abbraccia.
Mammatta te vulia r’abbalenare
quandu sapetta ca vulìe r’ammie.
Tua mamma ti voleva avvelenare,
quando seppe che amavi me.
Mammatta te vulia monaca fare,
quandu ha saputu ca vulìe r’ammie.
Tua mamma ti voleva fare monaca,
quando ha saputo che tu amavi me.
T’avìe crirutu ca t’avìa lassatu,
e tu core re petra ccià crirutu.
Avevi creduto che ti avevo lasciato,
e tu cuore di pietra ci hai creduto.
T’avìe crirutu e sagliare ncurina,
e r’ora re sutta te tagliu li rami.
Ti avevi creduto di salire in cima,
ma io di sotto ti taglio i rami.
Io sparagnu a muglierama a llu liattu,
e r’atru si la gora a llu spinaru.
Io risparmio mia moglie a letto,
ed altro se la gode sulle spine.
Fimmina c’ha traritu lu mia core,
un dire ca un tenie mezzi e putire,
un dire ca te spusi ppe r’amure,
ma sulu ppe nna carta e mille lire.
 Donna che hai tradito il mio cuore,
non dire che non avevi mezzi e potere per sposarmi,
ed ora non dire che ti sposi per amore,
ma soltanto per un biglietto da mille lire.
Cchi t’haju fattu corchia e carigliu,
tiani na figlia e nun mi la vo rare,
un t’haju cercatu nne casa nne bigna,
sulu lu liattu ppe mi cce curcare.
Cosa ti ho fatto, corteccia di cerro,
hai una figlia e non me la vuoi dare,
non ti ho chiesto né casa né vigna ,
ma solo il letto per coricarmi.
E’ Migliu ccu nnu giuvane n’abbrazzu,
e no ccu nnu viacchiu cent’anni gurire,
lu viacchiu ti nde linchia de sputazza,
lu giuvaniellu te joca e te rira.
E’ meglio con un giovane un abbraccio,
e non cent’anni con un vecchio godere,
il vecchio ti riempie di saliva,
il giovane ti giuoca e ti fa godere.
Atri se mangiu lle ricotte frische,
e a mmie me chiamu lu gran pecuraru;
atri fau lle case a lli parrupu,
e r’io allu mparu nun puazzu ammurare;
atri fau lle torchie re savucu,
io ccu gghinostra nun puazzu ammentare;
atri siminu spine e r’io me pungiu,
atri fau llu male e r’io lu ciangiu.
 Altri mangiano le ricotte,
e a me mi chiamano il gran pecoraio;
altri fanno le case nei dirupu,
ed io in piano non posso edificare;
altri fanno le corde con fili di sambuco,
ed io con ginestra non posso legare;
altri seminano spine,ed io mi pungo;
altri fanno il male ed io lo piango.
Tu statti citu piacura murfusa
chi ccu llu muarfu t’ha struttu la nasca.
Tu stai zitta pecora mocciosa
che col moccio ti hai consumato il naso.
Luce re luacchi mia, pisciame a nn’uacchiu
e r’all’atru mi cce jìatti na mundizza.
Luce degli occhi miei pisciami in un occhio,
e all’altro buttacci un bruscolino.
Amai na ronna e lle rìazi lu core,
cririandu ca lu sue m’havìa de rare;
pue jivi nu jurnu ppe mi lu pigliare,
ma nne llu sue e llu mia me voza dare.
Amai una donna e le detti il cuore,
credendo che mi avrebbe dato il suo,
poi andai un giorno per prendere il mio ,
ma né il suo né il mio mi volle dare.
Si l’acqua re lu mare fuassi latte,
nde lavera lla facce a lle civette.
Se l’acqua del mare fosse latte,
non basterebbe per lavare il viso alle civette.
Io ppe r’amare sempre e tue bellizze,
su fattu capitanu re li pazzi,
s’atri se goranu le tue bellizze,
io m’armu na casciotta e bindu lazzi.
Io per amare sempre le tue bellezze,
son fatto capitano dei pazzi,
se altri si godono le tue bellezze,
io mi prepero una cassetta e vendo lacci.
Spusate bella mia ca nun me spagnu,
cu nun si donna e te pigliare a mie,
nun biri ca t’attaccu a lli calcagna,
nun tind’adduni povarella tie?
ch’io signo jure re muntagna,
e tu mundizza re mmianzu la via.
Sposati, bella mia, perché io non ho paura,
perché tu non sei donna di pigliarti a me,
non vedi che ti attacco alle calcagna,
non te ne accorgi poverella te?
che io sono fiore proprio di montagna ,
e tu mondezza di in mezzo alla strada.
L’apa ppe llu troppu girare,
persa lla casa, la cira e llu mele.
A ronna ppe llu troppu s’avantare,
persa l’amante chi le vulìa bene.
L’ape per il troppo girare,
perse la casa, la cera e il miele.
La donna per il troppo vantarsi,
perse l’amante che le voleva bene.
Me vorra diventare nu marvizzu,
ppe te venire a truvare a llu telar
ti la rumpera lla stae e llu lizzu,
la navettella chi tieni a lle manu.
Vorrei diventare un tordo,
per venirti a trovare nel telaio,
per romperti la stame e tutti i fili,
e la navettella che hai in mano.
Vorra sapire quantu cuari aviti,
chi ogni amante chi vena cci lu rati.
orrei sapere quanti cuori aveti,
che ogni amante che viene glielo date.
Tandu tu te mariti pettiliscia,
quandu lu papa se fa mastrurascia.
Allora ti mariterai “pettiliscia”,
quando il papa imparerà a fare il falegname.
Chine ccu mantu re puttune se cumbeglia,
è miagliu mu le piglia lla quartana.
Chi col manto delle puttane si copre,
è meglio gli prenda la quartana.
Nun crirare la ronna quandu jura,
quandu versu re tie ciangia e suspira.
 Non credere la donna quando giura,
quando verso di te piange e sospira.
Chine a juramentu re puttane crira,
è nnu ciucciu mbardatu ccu lla cura.
Chi a giuramento di puttane crede,
è un asino bardato con la coda.
Avissi vistu a giugnu jazzare
o mmianzu u mare alligare la nive.
Avresti mai visti a giugno nevicare
o in mezzo al mare allegare la neve.
Chissu è llu vizzu mia jire cantandu,
struriandu scarpe e perdare lu suannu.
Questo è il vizio mio andare cantando,
consumando scarpe e perdere  il sonno.
Chissa è lla ruga re la malu rire
chi nun cce puatu  giuvani passare,
ca si cce passu cce resta llu rire:
chissu è l’annamuratu re la tale.
Questa è la ruga delle maldicenze,
dove non possono i giovani passare,
perché se ci passano ci resta la diceria:
questo è l’innamorato della tale.
Quandu la capu a lli cujina minti,
te ricuardi re mie lu primu amante.
Quando il capo sui cuscini metti,
ti ricordi di me il primo amore.
Quandu t’amava r’io eri cchiù bella,
e moni si fatta sculurita e gialla.
Quando ti amavo io eri più bella
ora sei fatta scolorita e gialla.
Haju saputu ca si fatta zita,
priestu vandije ca viagnu a ballare.
Ho saputo che sei fidanzata,
presto fai le pubblicazioni così vengo a ballare.

tratte da : G.Gentile, Il libro che canta, S. Croce sull’Arno (Pisa), Industria Grafica I.L.C.A., 1993.