Chiarinella bella re mammatta

Sira passandu ppe
Chiarinella bella re mammattà,
sira passandu ppe l’istrata nova;
Jettai nu lazzu ru
Chiarinella bella re mammattà,
Jettai nu lazzu r’uaru a ninna mia.

Giustu la mamma se
Chiarinella bella re mammattà,
giustu la mamma se truvau beniandu;
Figlia chi ti la ma
Chiarinella bella re mammattà,
figlia chi ti la manda ssa bellizza.

Illa la scusa la
Chiarinella bella re mammattà,
illa la scusa la seppa truvare;
Mi l’ha mandata la
Chiarinella bella re mammattà,
mi l’ha mandata la cummari mia.

Ieri sera passando per
Chiarinella bella di mamma tua,
ieri sera passando per la strada nuova,
gettai un laccio d’o
Chiarinella bella di mamma tua,
gettai un laccio d’oro a ninna mia.

Giusto la mamma si
Chiarinella bella di mamma tua,
giusto la mamma si trovò arrivando:
– Figlia chi ti la ma
Chiarinella bella di mamma tua,
figlia, chi te la manda questa bellezza?

Ella la scusa la
Chiarinella bella di mamma tua,
ella la scusa la seppe trovare:
– Me l’ha mandata la
Chiarinella bella di mamma tua
me l’ha mandata la commare mia.

tratta da : G.Gentile, Il libro che canta, S. Croce sull’Arno (Pisa), Industria Grafica I.L.C.A., 1993.