Proverbi sugli animali

A piecura sett’anni ‘mpiecura e unu spiecura.
La pecora per sette anni è feconda. All’ottavo si riposa.

U cane chi abbaja vò l’uossu.
Il cane che abbaia vuole l’osso.

Quandu a gatta se lava lla faccia o chiova o jazza.
Quando la gatta fa le fuse o acqua o neve.

Uomini a cavallu, sipultura aperta.
Uomini a cavallo, sempre sul punto di morire.

Quandu u ciucciu unn vò acqua hai voglia e friscare.
Quando l’asino non vuole bere è inutile fischiare.

A cavallu lientu, musche assai.
Il cavallo debole è assalito dalle mosche.

a gatta presciarula ffa lli ffigli cecati.
La gatta frettolosa fa i figli ciechi.

A gatta ch’è ‘mparata allu lucignu nunn si ‘nde mporta ca s’abbritta l’ugna.
La gatta che è abituata a stare accanto al fuoco non ha paura di scottarsi.

Allu cavallu jistimatu le lucia llu pielu.
Al cavallo maledetto gli luccica il pelo.

Allu puorcu ch’è ‘mparatu alla caniglia unn le rare mai simula a mangiare.
Al maiale abituato alla crusca non devi dargli in pasto la semola.

Attacca u ciucciu ruve vo llu patrune e lassa ca su mangianu li cani.
Attacca l’asino dove vuole il padrone e lascia che lo mangino i cani.

Cane e chianca, muortu e fame e chjnu e sangu.
Il cane che ozia nei pressi delle macellerie, è sempre affamato e sporco del sangue che cola dalle carni appese ai ganci.

Cavallu e atri e sbirruri re tui fa caminu quantu vui.
Con cavallo altrui e speroni propri cammina quanto vuoi.

Chi mangia erva piecura diventa e chi piecura si fa lupu la mangia.
Chi mangia erba diventa pecora e chi pecora diventa è mangiata dal lupo.

Rissa llu surice alla nuce: damme tiempu ca te cupu.
Disse il topo alla noce: dammi tempo e riuscirò a bucarti.

Runande quantu vue botte allu cane rici cucci-cucci e illu vena.
Dai al cane quante botte vuoi: chiamalo dolcemente e verrà.

Ruve zumpa lla crapa zumpa la cervella.
Dove salta la capra salta la capretta.

Gatti e cani nove simane.
La gestazione delle cagne e delle gatte dura nove settimane.

L’agiellu rapinante è llu cchiù lientu.
L’uccello di rapina è il più magro.

Ogni vintinove jurni picciuni e ova.
La colomba ogni 29 giorni, quando nascono i piccioni, depone le uova per la nuova covata.

Tra cuorvi nun sse caccianu uocchi.
I corvi non si cavano gli occhi fra loro.

U ciucci raglia ca vò la paglia.
L’asino raglia perché vuole mangiare.

U cane abbajaturu chiù nd’abbusca, ca ‘nde runa.
Il cane che abbaia riceve più botte di quanto ne dà (morsi).

tratta da : G.B. Maone, Tradizioni popolari della Sila, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 1979.