Proverbi sui mesi dell’anno

Jennaru siccu, massaru riccu;
Jennaru bagnatu, massaru ruvinatu.

Gennaio secco, massaio ricco;
Gennaio piovoso, massaio rovinato.

Si frevaru è ervaru,
a fimmina nescia a llu mignanu.

Se a febbraio vi è molta erba nei campi, la donna può prendere il sole sul balcone.

Frevaru curtu e amaru scurcia lli viecchi allu focularu.
Febbraio corto e amaro, spella i vecchi che si riscaldano al focolare.

Frevaru sparta gualu.
Nel mese di febbraio il dì e la notte sono uguali (non è vero).

Santu Vrasi, a ogni manca, u sule trasa.
A San Biagio (2 febbraio) anche le zone a tramontana sono riscaldate dal sole.

U friddu e marzu trapina li corna ru vitellazzu;
ma si se ‘ncagna apriele, te fa vrujare e rughe ru varriele.

Il freddo di marzo riesce a penetrare nelle corna del giovenco;
ma se s’imbroncia aprile ti fa fruciare anche le doghe del barile.

Marzu fa llu buttune,
aprile fa llu jure
e maju nd’ha l’unure.

Marzo fa la gemma,
aprile la fa sbocciare
e maggio ne ha l’onore.

Marzu marzicchiu, nu pocu chiova e nu pocu t’assulicchi.
Marzo, marzicchio, un po’ piove e un po’ ti riscaldi al sole.

Quandu canta lu scutu u viernu si’nde jiutu.
Quando canta il gufo l’inverno è finito.

Parma ‘nfusa, gregna gravusa.
Se il giorno delle Palme piove, il mannello di grano sarà pesante.

Quattru aprilante, jurni quaranta.
Le condizioni climatiche del quattro di aprilie condizionano i successivi quaranta giorni.

A San Giuvanni cangiate i panni.
A San Giovanni, cambiate i panni perché è arrivata l’estate.

Quandu chiova ‘ntra giugniettu,
te fa battere lu piettu.

Quando piove in luglio, ti batti il petto perché il raccolto va alla malora.

Quando chiova a r’agustu,
né uogliu né mele né mustu.

Quando piove in agosto non si produce né olio né miele né mosto.

Quandu canta lla cicala,
u vaccaru mungia e ‘mpana.

In agosto, quando canta la cicala, il vaccaro munge e fa la zuppa col siero del latte.

Agustu cucina e Settembre minestra.
In agosto maturano i frutti che a settembre si consumano.

Agustu porta littare; Settembre si le leja; vestate culinuru, ca u viernu priestu vena.
Agosto porta le lettere, settembre le legge: vestiti, o ignudo, perchè presto l’inverno verrà.

A Settembre e a Frevaru notte e juornu sunu pari.
A settembre e a febbraio la durata della notte è uguale a quella del giorno.

Ottobre cocia ova.
Il sole di ottobre cuoce le uova.

Tutti i Santi a nive a lli canti.
A tutti i Santi la neve è vicina.

Dicembre fa l’agnielli e Frevaru fa lli pielli.
A dicembre nascono gli agnelli, a febbraio si mangiano.

Santu ‘Ndria portau lla nova: Alli sie Nicola, alli uottu Maria, alli tririci Lucia allu venticinque u Messia.
Sant’Andrea (30 novembre) porta la buona novella: Il sei dicembre è San Nicola, l’otto Maria Immacolata, il tredici Santa Lucia, il venticinque il Messia.

‘Nsinu a Natale nè friddu nè fame, e Natale avanti tremanu li fanti.
Sino a Natale nè freddo, nè fame, da Natale in poi tremano i bambini.

A nive dicembrina ppè tri misi l’ha vicina.
La neve di dicembre continua per tre mesi.

Quandu sienti u fischiettu sunare fatte nu cuntu ch’è benuto Natale.
Quando senti lo zuffolo suonare, tieni conto che è venuto Natale.

A Pasqua sutta na frasca, ma a Natale ‘ncasa tua.
Passa la Pasqua ovunque ti rovi, a Natale sii nella tua casa.

Annata bisesta, viatu chine cce resta.
Annata bisestile, beato chi la supera.

Annata e vuoria, annata e granu.
Annata con brinate, annata di grano.

Ariu russu, o acqua o vientu o strusciu.
Il cielo rosso porta o pioggia o vento o grandine.

quando chiova u’ ssicca nente.
Quando piove non appassiscono le piante.

tratta da : G.B. Maone, Tradizioni popolari della Sila, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 1979.