Proverbi sulla caccia

Animale gruossu, mmanu a llu gnurante.
L’animale corpulento (finisce) in mano all’inesperto.

A purvere caccia lla palla.
La polvere caccia la palla.

Caccia e pinna chi l’ammazza a spinna.
Caccia di penna che l’uccide la spenna.

Cane licertaru, tenalu caru.
Cane che cerca lucertole, tienitelo caro.

U riepule è dde chine u caccia, a vulpe e chine l’ammazza.
La lepre appartiene a chi la snida, la volpe a chi l’uccide.

Cane feliciaru cane repularu.
Cane che fruga fra le felci, ottimo per scovare la lepre.

U culu fa la caccia.
Il sedere fa la caccia.

Puorcu a vallune, crapiu a timpune.
Il cinghiale cercalo nei valloni, il capriolo sulle balze.

Quandu mina lu grecale né piscare né cacciare.
Quando spira il grecale non andare né a pesca né a caccia.

Quandu cada la castagna a beccaccia è alla muntagna.
Quando cade la castagna la beccaccia è alla montagna.

Quandu chiova o tira bientu jire a caccia è perdita e tiempu.
Quando pivoe o tira vento, andare a caccia è perdita di tempo.

U riepule ruve nasce mora.
La lepre dove nasce muore.

A vurpe allu varcu, u riepule alla serra.
La volpe quando è inseguita dai cani tende a scendere; la lepre a salire.

Annu fungiaru, beccacciaru.
Annata ricca di funghi, annata ricca di passaggio di beccaccie.

A caccia, caccia.
La caccia è dispendiosa.

Ddiu te mandi l’animale ch’a de morere.
Dio ti mandi l’animale destinato a morire.

Puorcu a chi fera, capriu a chi resta.
Il cinghiale spetta a chi lo ferisce per prima; il capriolo a chi lo colpisce per ultimo.

tratta da : G.B. Maone, Tradizioni popolari della Sila, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 1979.