Proverbi sull’agricoltura

Ra miendula chi jura ‘ntra jennaru unn’nde minti ‘ntru u panaru.
Del mandorlo che fiorisce nel mese di gennaio non metterai frutti nel paniere.

Si vò linchiare u cellaru zappa e puta ‘ntra jennaru.
Se vuoi colmare le botti della cantina coltiva bene la vigna, zappando e potando nel mese di gennaio.

Si vò linchiare u granu zappulia ‘ntru jennaru.
Se vuoi riempire il granaio pulisci il seminto (zappetta) nel mese di gennaio.

Allu mundu furtuna, all’uortu curtaglia.
Al mondo (ci vuole) fortuna, all’orto concime.

A vigna vò gente e argientu.
La vigna vuole gente e argento.

Alla Nunziata a spica è nata.
Per il giorno dell’Annunziata (30 marzo) la spiga è spuntata.

Alie e nannu e vigna e papa.
Gli ulivi del nonno, la vigna del padre.

Alivu e ficu trattali e nemicu.
Olivo e fico trattali come nemici.

A gaccia e llu curtiellu, fannu l’arvulu biellu.
L’accetta e il coltello rendono l’albero più bello.

Parma ‘nfusa, gregna gravusa.
Palma bagnata, covone di grano pesante.

Chi vò mangiare pane e vivare vinu simina jermanu e chianta lupini.
Chi vuole mangiare pane e bere vino deve seminare segale e piantare lupini.

L’arvulu cu ffa frutta taglialu e sutta.
L’albero che non fa frutta, taglialo dal pedale.

Chine zappa viva acqua, chine frutta viva alla vutte.
Chi zappa beve acqua; chi comanda beve vino.

L’alive chiù penda e chiù renda.
L’oliva più pende (dall’albero) più rende.

tratta da : G.B. Maone, Tradizioni popolari della Sila, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 1979.