Proverbi sull’amore

A ronna chi u rispunda a prima vuce, è signu ca u cantare nun lle piacia.
La donna che non risponde alla tua voce vuol dire che il tuo canto non le piace.

A ffurtuna è dde civette.
La fortuna è delle civette.

Ammazzami e jettame ‘ntra i mia.
Uccidimi e gettami fra i miei.

Bona venuta norama ‘mpalazzu te via durare quantu a nive e marzu.
Bona trovata socrama jentiele, te via durare quantu a nive e apriele.
Benvenuta, o nuora, nella mia casa, che tu possa sostarvi quanto la neve di marzo.
Bentrovata, o suocera gentile, che tu possa durare quanto la neve di aprile.

A nora cacciala fora
La nuora cacciala fuori.

Tinta e amara a maritata ccu la socra e la canata.
Infelice e misera la sposa (che convive) con la suocera e la cognata.

Chine ha mugliere bella sempre canta, chine ha dinari ‘nsacca sempre cunta.
Chi ha la moglie bella sempre canta, chi ha denari in tasca , invece, sempre conta

Chine un senta la mamma e lu patre senta lu rimoniu scatinatu.
Chi non ascolta i genitori, obbedisce al diavolo.

Mugliere e ruga e Sangiovanni e Roma.
Moglie del vicinato; compare di Roma.

Rulure e gumitu e dde mugliere, assai rola e pocu tena.
I dolori del gomito e quelli causati dalla moglie sono intensi, ma brevi.

Ffiglia ffimmina e mala nuttata.
Figlia femmina e cattiva nottata.

Ffiglie ffimmine e vutti e vinu cacciale ‘mprimu.
Figlie femmine e botti di vino cacciale subito.

Ffigli e vutti tenali e sutta.
Figlie e botti tienili custoditi.

Ffigli e mariti cumu Ddiu ti le manda.
Figli e mariti come Dio te li manda.

Ffigli picculi, guaj picculi, figli ranni, guaj ranni.
Figli piccoli, guai piccoli, figli grandi, guai grandi.

Matrimmoni tra parienti portanu guaj e stienti.
Matrimoni fra parenti portano dolori e stenti.

Si l’uomu strura llu liettu a mugliere se vatta llu piettu.
Se l’uomo consuma il letto, la moglie si batte il petto.

Suoru e frati nimici pagati.
Sorelle e fratelli nemici pagati.

Quale speranzaha l’annamuratu ra ffimmina chi ‘nganna llu maritu!
Quale speranza può avere l’amante della donna che inganna il proprio marito!

Un cc’è ataru senza cruce e matrimmoniu senza vuci.
Non c’è altare senza croci; non vi è matrimonio senza intoppi.

Ruve ci ‘nd’è runu, cc’è la mala furtuna.
Dove c’è un solo figlio, c’è cattiva fortuna.

Sutta l’ugna c’è lla calne.
Sotto l’unghia c’è la carne.

Tira cchiù nu pielu all’iertu ca nu paru e voi allu pendinu.
Tira più un capello di donna in salita che la forza di due buoi in discesa.

tratta da : G.B. Maone, Tradizioni popolari della Sila, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 1979.