Scrivere di un piccolo paese non è facile come potrebbe sembrare. Il rischio maggiore che si corre, oltre alle ovvie banalità che si finisce col raccontare, è quello di non resistere alla tentazione di «inventarsi» la storia che il paese non ha. Nel caso di Cerenzia almeno il secondo rischio non esiste perchè quella della città antica è una storia autentica e doverosamente documentata. Scritta da un figlio di questa terra che vi ha dedicato anni di ricerche e di studio, attingendo a fonti autorevoli e qualificate, essa è stata il principale riferimento per questo lavoro. Si tratta del prezioso volume di G. Aragona : CERENZIA, notizie storiche sulla città antica. Testimonianze sul paese, a cui rimandiamo il lettore più attento e interessato. Per il resto abbiamo cercato di raccogliere testimonianze di prima mano dalla viva voce degli anziani del paese con la segreta speranza, ardua impresa, di aggiungervi anche una sola piccola cosa.

Quando molti paesi del comprensorio erano semplici «casali», Acerenthia, della quale oggi resta soltanto un ammasso di ruderi, fu un’importante e gloriosa città bizantina. Sul pianoro dove sorgeva l’antico centro, sono ancora evidenti le tracce di un consistente agglomerato urbano, tra cui spiccano, in particolare, un edificio sacro in gran parte conservato e, in posizione eminente, i corposi resti di una struttura più elaborata identificata come il

«Vescovato». Acerenthia, Acherontia o Geruntia: sul suo nome e sulle sue origini storia e leggenda si confondono, conferendole un particolare fascino di mistero. Fondata secondo alcuni dagli Enotri, secondo altri dal mitico Filottete, l’urbe era cinta da altissime mura naturali e dominava, così come domina tuttora, la vallata del fiume Lese, un tempo forse chiamato Acheronte, da cui ne deriverebbe l’etimologia.

A distanza di 5 Km. dall’acropoli, sorge il moderno centro abitato, Cerenzia, un piccolo e tranquillo paese posto alle pendici della Sila, a 640 m. s.l.m., facilmente raggiungibile percorrendo la S.G.C. 107 Silana-crotonese. Sede vescovile per nove secoli (dall’VIII al XVII sec.), sette chiese, settemila abitanti: nei momenti di splendore Acerenthia doveva essere veramente un vivace e animato centro urbano, se nel 1189 l’abate Gioacchino da Fiore, nell’individuare un posto tranquillo dove edificare la sua abazia, non ritenne adeguate le falde del Lese, soprattutto per la vicinanza alla «rumorosa Acerenthia».

 

Cerenzia Vecchia (come la chiamano affettuosamente tutti i cerentinesi) diede i natali ad almeno sei dei suoi vescovi, alcuni dei quali discepoli o amici personali di Gioacchino, che intrattennero stretti rapporti con l’Abazia Florense. L’estensione della diocesi di Cerenzia, stimabile in circa 200 Kmq, comprendeva i territori attuali di Cerenzia, Caccuri, Castelsilano, Belvedere Spinello, Savelli e Verzino. La chiesa di Cerenzia, dedicata anticamente a S. Leone e successivamente a S. Teodoro di Amasea, aveva il titolo di Basilica Cattedrale. Cedimenti continui delle strutture murarie, difficoltà di approvvigionamento di acqua potabile, malaria e terremoti, costrinsero gli abitanti ad un esodo progressivo, che intorno alla metà del 1800 culminò con l’abbandono definitivo ed il trasferimento nel sito attuale.

Nonostante l’abbandono, il rapporto dei cerentinesi con la loro antica città non si è mai interrotto: la visita ai resti della città morta è un continuo pellegrinaggio, che in occasione della festa dell’Ecce Homo, diventa una vera e propria processione di tutto il paese. A dimostrare l’attaccamento dei cerentinesi con la loro antica città, sono anche i numerosi componimenti, poetici o canori, che autori del luogo hanno sempre scritto e continuano a scrivere. Due esempi per tutti: il primo, Acherunthia, di Salvatore Lista, maestro di molte generazioni di cerentinesi, sindaco del paese negli anni ’60 e riferimento culturale costante per la comunità cerentinese, autore di vari scritti. Il secondo, Ruderi, del poeta Teodoro Torchia, maestro anch’egli, prolifico cantore e cultore della storia di queste popolazioni che, pur essendo nato e vivendo a Castelsilano, si definisce con orgoglio «cerentinese purosangue» per le sue origini. Entrambi gli autori, nati negli anni venti, costituiscono la memoria storica del paese e si configurano come gelosi custodi delle nostre migliori tradizioni. Ecco i testi integrali senza la traduzione in lingua, per non correre il rischio di alterarne la suggestione evocativa.

 

Acherunthia

 

Subbra n’errama timpa cunturnata ‘e scini ‘e petraguni e de scannella,

io cchiù te guardu e cchiù me pari bella, povera Cerenzia abbannunata.

Abbannunata ‘e uamini e de santi, abbannunata ‘e principi e briganti, ‘u dragu, puru ‘u dragu è sutterratu, e puru ‘u viscuvatu è perrupatu.

‘Ntre gghiazze, ‘ntre vinelle e ‘ntri spuntuni, ‘ntra sbràcasci, jinorre e ruvettari,

ccè pascianu ‘e crape e ‘ntr’i sacrari, ccè scelano archiannu li curzuni.

‘U scutu, ‘a cuccuvella, ‘a zagarogna, aggella ‘e notte, luardi e scustumati, ‘ntr’i mura cunsacrati ‘e ri penati

ccè fau llu niru e puru le bisogna. Sulu li cuarbi, viacchji catananni,

vulannu avutu e ‘ntunnu a nu pagliaru, ccu vuce fatta ‘e crosche ‘e cucuzzaro: cro, cro, cro…

Te cuntanu i fatti re tant’anni…..

 

te cuntanu i fatti bizantini, ‘e maleritti turchi e saracini,

te cuntanu i fatti ‘e ri normanni, ch’ancora Cristu ne porta l’affanni….. Te cuntanu li fatti ‘e ri patruni, maleritti principi e baruni,

‘e sangue blu, ‘e chillu gruppu Zeta, che a Cerenzia nova ancora feta….

Pue i cuarbi, quannu a Vatu se fa scuru, s’ammasunanu àrriati ‘u Pisciaturu ;

Ma quannu ‘u sule scolla de Jimmella, me pari na regina ‘ncurunata,

ch’a timpa, i petraguni e le scannella, dislampanu d’uaru intr’a vallata.

Lese – Acheronte discurra de tia

‘e quannu te chjamavi ACHERUNTHIA !

 

Ruderi

 

Ohi petre de la storia cunsumate,nu libru apiertu siti vue ppè mie ! Mò d’acqua e vientu siti ruvinate :

de ccà e de llà jettate ppè ste vie ! Sutta sta bella cerza rigugliusa,

parratime ‘e nu tiempu a vue cchjù biellu.

Io pue lu cuntu a viersi alla rinfusa e mi li tiegnu cari ‘ntr’u cerviellu.

E, si ppè casu, a mmie sta cumpirienza io nun la pozzu propriu meritare,

sta cerza chi se senta na putenza,

l’ha de sapire e nun s’ha de scurdare ! Ohi pellegrinu chi girannu vai, sperannu – chi lu sa – chi pue scavare ! Ogni cosa chi ccà tu pò truvare,

te dicia ch’a fede un mora mai ! E tu viàta sagli, ohi cerza bella,

mentre nue ne scinnimu sempre sutta ! Na vota, sutta ‘e nue, tu cerzulella,

mò àvuta si tu, nue alla rirrutta ! Chissa è la scala curta de la vita ! E puru tu nu jurnu ha’ de cadire ! O prima o pue se perda la partita ! Però ste petre norre potu dire !

Ste petre norre quantu potu dire !

Ognunu ‘e nue po’ ancora ricurdare

nu tiempu chi ppè nue nun po’ murire : stu Viscuvatu se vidìa d’’u mare !

E ccà venìa la gente ppè pregare

‘ntra chissa gghiesa mò sbracata e rutta ! Tu dici cà cummena a ne parrare ? !

Parranu i muorti corvicati sutta !

Dicianu cà culava tutta oru

e quanta, quanta gente all’ammirare ! E’ veru: c’è de sutta nu trisoru: trisoru d’ossa chi un se po’ scurdare ! Cchjù sutta c’era puru ‘u Principatu: cavalli, cavalieri ccù carrozze.

Ppè quantu ranne, mò s’è ammunzellatu. Chi scava a funnu, trova sulu crozze.

Nun disturbare stu silenziu caru ! Ogni cosa chi guardi c’ha ‘na storia cà stu paise è statu nu gran faru d’Amure, civiltà e de la gloria !

Perciò, si amicu, va’ cercannu oru, nun te cummena diventare luardu ! ‘A vita chi tu tieni è ‘nu trisoru !

Mò vavatinne e scriva stu ricuardu !

E’ nu ricuardu ch’oje vala tantu ppè sta vecchia malata gioventù !

Su vivi i muarti ‘ntra stu Campusantu !

 

Pecchì tu ciangi ? Prega puru tu !