Sutt’a petra u petramune

Cchi nde fai re chista vita
chi la tiani tantu cara,
poremane è seppellita
sutt’a petra a Cavallara.

Cchi nde fai re chissa vucca
c’hari piarsu la ragiune
c’ha basatu a Pippiniallu
sutt’a petra o Petramune.

U pecuraru alla muntagna,
notte e gghiurnu se rispera
e gghistima la mala sorte
ca lu nganna lla mugliere.

U pecuriallu mangiaricotte
va alla gghiasa e nnu se nginocchia
nun se caccia llu barrettinu
pecuraru malandrinu

Cosa ne fai di questa vita
che la tieni tanto cara,
dopodomani è seppellita
sotto la pietra della Cavallara.

Cosa ne fai più della tua bocca
che ha perso la ragione
perché ha baciato Peppino
sotto la pietra del Petramone.

il pastore in montagna
notte e giorno si dispera
e bestemmia la mala sorte
perché lo inganna la moglie.

Il pastorello mangiaricotte
va in chiesa e non s’inginocchia
non si leva il cappellino
pastore birichino.

tratta da : G.Gentile, Il libro che canta, S. Croce sull’Arno (Pisa), Industria Grafica I.L.C.A., 1993.